Home » Blog » Come scegliere il dentifricio

Come scegliere il dentifricio


…Ovvero cosa volete chiedere al vostro dentifricio?
Sul mercato è presente una varietà infinita di prodotti che promettono miracoli. Il dentifricio però è sempre un’additivo dello spazzolino, il vero strumento per l’igiene orale.
I requisiti fondamentali di un dentrificio sono:
  • fuoro per proteggere i denti dalla carie;
  • Ph  7;
  • non essere irritante;
  • abrasività non elevata per evitare di danneggiare lo smalto;
  • una provenienza sicura e certificata.

A questa formula si sommano le nostre esigenze, oltre all’aspetto e sapore gradevole che incentiva lo spazzolamento sia nei bambini che negli adulti.

Per i bambini

si consiglia di fare attenzione che il dentifricio non abbia una concentrazione di fluoro superiore a 500 parti su un milione. Deve essere colorato e aromatizzato per rendere piacevole l’esperienza.

Per chi ha gengive sensibili

ci sono i dentifrici desensibilizzanti, i quali aiutano i processi di rimineralizzazione dello smalto e della dentina, così da attenuare con l’utilizzo costante e prolungato le sensazioni spiacevoli al contatto con il caldo, il freddo, i dolci o gli acidi.
Per aumentarne l’effetto si può apporre con un dito una piccola quantità sulle zone dei colletti dei denti sensibili dopo ovviamente la consueta pulizia. Lo si lascia agire qualche minuto e poi lo si espelle senza risciacquare.

Per denti più bianchi

si possono usare saltuariamente (NON quotidianamente) i dentifrici sbiancanti. Essendo più abrasivi degli altri, se usati sempre possono danneggiare lo smalto.

Devono essere prescritti dal dentista e devono essere utilizzati seguendo specifiche istruzioni, per periodi di tempo limitati.

Commenti & Risposte

Comments are closed.